Congo Rdc: L'accoglienza al Centro Ek'Abana

Natalina Isella, fondatrice del Centro, è in prima linea nella lotta contro lo sfruttamento dei bambini. Aiutiamola a restituire ai minori i loro diritti.

bambini poveri Congo
Natalina Isella con i ragazzi del Centro Ek'Abana

A Bukavu, città della provincia del Sud Kivu, al confine con il Ruanda, tantissimi sono i minori in difficoltà che affollano le vie del centro cittadino.
Alcuni vivono in strada perché le famiglie li hanno additati come demoni, ritenendoli responsabili di malattie dei familiari, e li hanno sottoposti a torture e riti crudeli (lunghi digiuni, purghe, bruciature con cera rovente, tagli con il machete).
Sono i bambini accusati di stregoneria, “bambini stregoni”, vittime della superstizione e dell’ignoranza.
Altri si alzano la mattina molto presto, riempiono un bidone d’acqua e si recano al mercato cittadino per venderla ai commercianti assetati. In cambio ottengono manioca che serve a sfamare la famiglia, da cui tornano solo a tarda sera. Sono i bambini “mai – mihogo”, acqua-manioca, vittime dello sfruttamento minorile.
Natalina Isella, missionaria dell'Istituto Discepole del Crocefisso, da molti anni vive a Bukavu nel Centro Ek'Abana dove, ogni anno, accoglie circa 50 bambini provenienti da situazioni analoghe.


bambina povera

«Nella nostra struttura», spiega Natalina, «ospitiamo soprattutto i bambini accusati di stregoneria. Li accudiamo e insegniamo loro i valori della condivisione e della fratellanza. Il loro sogno è avere una vita come quella degli altri bambini: andare a scuola, studiare, giocare ed essere nuovamente accolti in famiglia. Sono situazioni difficili, ma possono essere risanate con pazienza, interventi mirati e tanto amore. I bambini mai – mihogo [Link], invece, non sono ospitati qui ad Ek'Abana, ma vengono aiutati ad andare a scuola pagando loro la retta, e a imparare piccoli mestieri, come l'allevamento di porcellini d'India e galline, per sostenere la famiglia».



Natalina Isella, 18 aprile 2018


bambini poveri a scuola
Bambini che possono andare a scuola

Nella sua ultima lettera Natalina chiede un aiuto: «Abbiamo casi nuovi di bambine abbandonate da genitori incapaci di accudirle perché malati mentali. Sia a causa delle violenze subite, sia per la malnutrizione, hanno bisogno di cure mediche urgenti, per cui le spese sono sempre molte. Però di tutto ringraziamo il Signore, perché sappiamo che nelle difficoltà che affrontiamo quotidianamente non siamo soli. Ci accompagna la vostra solidarietà che ci tiene uniti e fa circolare l'amore».
Cuore Amico vuole sostenere il Centro Ek'Abana, sia con un aiuto per acquistare animali da allevare, sia per le spese mediche da affrontare.


Con 25 euro al mese o 300 euro all'anno è anche possibile aiutare un bambino con il Sostegno a distanza.


Sostegno a distanzaIl Sostegno a distanza favorisce la crescita e lo sviluppo di bambine e bambini in diversi Paesi del mondo attraverso un simbolico gemellaggio. Aderire significa impegnarsi a seguire il piccolo durante il periodo della scuola. I missionari provvederanno a inviare al benefattore fotografie, pagelle, lettere, disegni o lavoretti a testimonianza del percorso di crescita.
Per informazioni: tel. 030 3757396


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 104910 | Aggiornato il 16 settembre 2020  da Agnese Nascosto email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Congo Rd

[Idp 105198 del 23 agosto 2021]

Sacerdote del Congo Un tetto per la scuola
L'edificio di Kiphene Niolo presenta aulette fatiscenti e la copertura è un colabrodo. Anche muri e pavimenti hanno bisogno di un restauro urgente. L'appello di padre Crispin.
Progetto: 105198 Progetto: 105198
Congo Rd

[Idp 105065 del 1 giugno 2021]

bambino albino in Congo Contro la superstizione
La Diocesi di Kisangani chiede aiuto per poter garantire assistenza e istruzione ai bambini albini africani, gravemente discriminati.
Progetto: 105065
Congo Rd

[Idp 105162 del 24 maggio 2021]

Bambini minatori sfruttati Congo Bambini, non minatori
Mentre usiamo il nostro cellulare o viaggiamo su auto elettriche, certi di far bene al pianeta, dovremmo ricordare le migliaia di minori sfruttati per estrarre il cobalto. Il sogno delle Suore del Buon Pastore è tentare di eliminare il lavoro minorile nelle comunità di minatori artigianali di Kolwezi.
Progetto: 105162

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed