Cuore amico

Congo Rdc: C'è chi ogni giorno salva i piccoli come Bem

Natalina, fondatrice del centro di accoglienza Ek'Abana, è in prima linea nella lotta contro lo sfruttamento dei bambini mai-mihogo. Aiutiamola a restituire a quei minori il diritto all'infanzia.

Images
Suor Natalina abbraccia Bem e altri piccoli bambini

Bem ha sette anni. Ogni mattina si alza all'alba, riempie di acqua il suo bidoncino e percorre molti chilometri a piedi per raggiungere il mercato. Qui, in mezzo a un'aria satura di polvere e di calore, tenta di offrire ai commercianti assetati una tazza di acqua in cambio di un po' di manioca. Esaurito il primo bidone, cerca una fonte di acqua nelle vicinanze, lo riempie e ritorna al mercato. Va avanti così tutto il giorno, finché non è in grado di racimolare una quantità di manioca sufficiente a sfamare la sua numerosa famiglia. Proprio a causa di questa quotidiana, gravosa incombenza, non ha mai potuto andare a scuola.


Images

Di bimbi come Bem, nella città di Bukavu, in provincia del Sud Kivu, Repubblica democratica del Congo, ce ne sono moltissimi. Li chiamano, in lingua locale, bambini mai-mihogo, ovvero “acqua-manioca”. Oggi a ospitare i piccoli, cercando di sottrarli a un'attività che si configura come un vero e proprio sfruttamento minorile, è il Centro di accoglienza Ek'Abana, nato nel 2001 grazie a Natalina Isella, missionaria dell'Istituto Discepole del Crocefisso. Da allora la struttura ha offerto supporto a migliaia di minori, tra cui anche bambini provenienti da famiglie molto povere o accusati di stregoneria.


Images

Per questi ultimi l'Onu stima oggi la presenza nel Paese di circa 70 mila “bambini stregoni”: ritenuti responsabili di malattie e povertà, vengono additati come demoni, cacciati dalle famiglie di origine e sottoposti a torture e riti crudeli, come lunghi digiuni, purghe, bruciature con cera rovente, tagli con il machete.
A tutti il Centro assicura, oltre al necessario per vivere, anche la possibilità di frequentare la scuola. In concreto, la suora incontra i bambini per strada o al mercato, li porta al Centro per la raccolta dei dati anagrafici, li iscrive nella scuola elementare del luogo monitorando il loro inserimento. Quando stanno per finire il primo ciclo di studi, comincia ad avviarli all'allevamento annesso alla struttura, affinché imparino ad occuparsi di polli, maiali, cavie, al fine di riuscire a mantenersi nel prosieguo degli studi. Oltre a questo, promuove per loro percorsi spirituali, invitandoli a frequentare il catechismo e a partecipare alla Messa.
«Il nostro obiettivo è garantire i diritti dell'infanzia, in modo che tutti i bambini possano crescere, diventare cittadini responsabili e sperare in un avvenire migliore», dice suor Natalina. «Per continuare a farlo, sempre di più e sempre meglio, abbiamo bisogno del vostro aiuto».


Sostituiamo la strada con la scuola!
50 € Aiutiamo nel pagamento della retta scolastica per un bambino
100 € Aiutiamo a sostenere il progetto di allevamento per un bambino


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 103076 | Aggiornato il 31 marzo 2016  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Congo Rd

[Idp 105162 del 24 maggio 2021]

Bambini minatori sfruttati Congo Bambini, non minatori
Mentre usiamo il nostro cellulare o viaggiamo su auto elettriche, certi di far bene al pianeta, dovremmo ricordare le migliaia di minori sfruttati per estrarre il cobalto. Il sogno delle Suore del Buon Pastore è tentare di eliminare il lavoro minorile nelle comunità di minatori artigianali di Kolwezi.
Progetto: 105162 Progetto: 105162
Congo Rd

[Idp 105065 del 24 maggio 2021]

bambino albino in Congo Contro la superstizione
La Diocesi di Kisangani chiede aiuto per poter garantire assistenza e istruzione ai bambini albini africani, gravemente discriminati.
Progetto: 105065 Progetto: 105065
Congo Rdc

[Idp 105006 del 2 maggio 2021]

ambulatorio medico di paglia e fango Un ambulatorio per i più poveri
Dopo molti anni in cui un infermiere volontario ha curato i poveri in una casupola, padre Paul Mindjeke vorrebbe realizzare un vero ambulatorio.
Progetto: 105006 Progetto: 105006

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed