Sud Sudan: Carla Magnaghi

Carla Magnaghi, classe 1942, è andata dove l’urgenza di carità richiedeva. Da insegnante si appassiona all'attività riabilitativa per bambini con disabilità e si specializza in psicomotricità e logopedia.

Carla Magnaghi
Nei momenti difficili, che il Sud Sudan da tempo attraversa, Carla Magnaghi ripete un detto locale: «Il Signore lo sa, il Signore c’è» (Rabbuna arufu o Rabbuna fi).

Originaria di Càrdano al Campo (VA), insegue il sogno di diventare missionaria e, a 18 anni, entra a far parte dell'Istituto Secolare delle Piccole Apostole della Carità che si occupa di disabili. Da insegnante si appassiona alla riabilitazione dei bambini con disabilità e si specializza in psicomotricità e logopedia.
Dopo molti anni trascorsi professionalmente fra Como e Varese, nel 1988 le viene chiesto di recarsi a Juba in Sud Sudan, dove l’Istituto vuole aprire una nuova sede, il Centro Usratuna (La nostra famiglia in arabo). Juba all'epoca è un villaggio fatto per lo più di capanne, immerso in un ambiente arido e in un’estrema povertà. A cinque mesi dal suo arrivo scoppia, nel 1991, la guerra: il villaggio è preso d’assalto dai ribelli e il Centro Usratuna viene invaso da più di tremila civili che vi si rifugiano per sfuggire alle mitragliate.
Diventata esperta nel linguaggio dei segni segue anche i bambini con sordità. Oggi in Sud Sudan infuria nuovamente una guerra tra due gruppi tribali, i Dinka e i Nuer. Nel Paese si registrano 2 milioni di rifugiati e una gravissima crisi economica: la popolazione è ridotta allo stremo, affamata e terrorizzata da scontri continui e sciacallaggio.


missionaria laica Sud Sudan
Carla tra i bambini della missione

In Sud Sudan,
con il contributo ricevuto Carla potenzierà le attività del Centro Usratuna e, in particolare: il servizio di assistenza sociale (sostegno ai pazienti che devono subire interventi chirurgici, logopedia e assistenza ai disabili disoccupati), l’ortopedia, l’assistenza alle famiglie contro la malnutrizione e la denutrizione infantile e il dispensario. La necessità maggiore riguarderà il sostegno scolastico ai bambini disabili e l'acquisto di macchinari nuovi per l'officina ortopedica che fornisce ausili per l'autonomia delle persone con disabilità. Autonomia e inclusione per le quali Carla si è sempre battuta, nonostante la guerra.



Aiutiamo chi aiuta!

Images
Premio Cuore Amico 2018
Brescia, 20 ottobre 2018

Images
Padre Gianpietro Carraro
Brasile

Images
Suor Evelina Mattei
Rep. Democratica del Congo



Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 104061 | Aggiornato il 2 ottobre 2018  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Sud Sudan

[Idp 105322 del 22 novembre 2021]

Missione da ricostruire in Sud Sudan Riapriamo la missione di Malakal
Le Suore Missionarie Comboniane vorrebbero rientrare nella loro comunità sud sudanese per riprendere l'attività di evangelizzazione e assistenza alla popolazione.
Progetto: 105322 Progetto: 105322
Sud Sudan

[Idp 105241 del 23 ottobre 2021]

missionario comboniano in Africa Christian Carlassare - Per l’unità e la pace
«La Chiesa deve lavorare per promuovere la giustizia e la pace, soprattutto in Sud Sudan. Per questo è importante la testimonianza: tornare alla radice degli insegnamenti di Gesù, creare comunità e vivere in modo autentico la propria fede».
Progetto: 105241 Progetto: 105241 Link
Mapuordit (Sud Sudan)

[Idp 104306 del 1 maggio 2021]

Missionario comboniano in Sud Sudan Grazie dall'ospedale di Mapuordit
Nella missione di Mapuordit, avviata nel 1993 da mons. Cesare Mazzolari, dal 2002 si trova un ospedale ancora oggi gestito dai Comboniani.
Progetto: 104306

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed