Cuore amico

Haiti: Il sogno di padre Carraro di Missione Belém

La Missione Belém chiede aiuto per arredare un poliambulatorio e sostenere i bambini della baraccopoli di Wharf Jeremie in Haiti.

sacerdote missionario
Padre Gianpietro Carraro e suor Calcida incontrano i poveri nella favela

Haiti è oggi il paese più povero delle Americhe, devastato nel 2004 dall'uragano Jeanne, il 12 gennaio 2010 da un terremoto che ha fatto oltre 200mila morti (e da un'epidemia di colera) e nel 2016 dall'uragano Matthew. Nel mese che segna il decimo anniversario dal terremoto che sbriciolò Haiti, parliamo ancora di un Paese allo stremo. Anzi, paradossalmente, oggi è ancora peggio di allora: un posto senza Stato, una terra di nessuno dove strade e baraccopoli sono in perenne assetto di guerra e con una povertà che fa spavento.
La violenza imperversa per le vie di Port au Prince, con barricate e bande armate ovunque, impedendo anche di seppellire i morti ammazzati. E nella baraccopoli di Wharf Jeremie, costruita su un immenso immondezzaio e percorsa da canali fognari a cielo aperto, 150mila persone vivono in migliaia di baracche in una miseria inimmaginabile, senza acqua, servizi igienici ed energia elettrica. Padre Gianpietro Carraro, Premio Cuore Amico nel 2018, descrive così la terribile situazione della città, raccontando episodi raccapriccianti.


Periferie di Port au Prince
La baraccopoli di Wharf Jeremie

Missione Belém [Link], l'associazione di fedeli da lui fondata, è presente ad Haiti proprio dal 2010, a seguito del terremoto. Tra migliaia di tuguri fatti con pezzi di lamiera, legno, teloni di plastica recuperati dall'immondizia, padre Giampietro e pochi volontari condividono il quotidiano con chi non ha nulla, aiutando in particolare i bambini.
Moltissimi sono quelli che, nella favela, non superano i due anni di vita, a causa delle infezioni e delle malattie contratte per carenza di alimentazione, e per l’inevitabile contatto con le acque fognarie che, a ogni pioggia, invadono completamente le baracche.




Padre Gianpietro Carraro, 5 dicembre 2019


sacerdote missionario
Padre Gianpietro Carraro

I frutti dell'impegno della Missione Belém sono una scuola primaria per 2mila bambini e un centro nutrizionale per aiutarli nella battaglia contro la morte per fame. Accanto a queste opere si vuole anche avviare un poliambulatorio e un pronto soccorso dove fornire assistenza sanitaria d’urgenza alla popolazione. La costruzione è quasi ultimata, ma c’è bisogno di arredare gli ambulatori previsti per vederla in funzione al più presto (nell'estate del 2020). Per la finitura e l'allestimento di un ambulatorio completo occorrono 2.600 euro. Non facciamo mancare il nostro interessamento.


Come sostenere il progetto

Possiamo anche offrire per: Una sedia (30 euro) | Un armadio (150 euro) | Un lettino per visita (270 euro)

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali



Id progetto: 104568 | Aggiornato il 1 gennaio 2020  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in haiti

Haiti

[Idp 104569 del 1 gennaio 2020]

Missionario Centro Zanj Makenson di Missione Belém
Ogni giorno sono 50 i piccoli bambini denutriti e ammalati che trovano nel centro nutrizionale e nella scuola primaria di Missione Belem un rifugio dove ricevono cibo e i primi rudimenti educativi.
Progetto: 104569 Progetto: 104569
Haiti

[Idp 104279 del 1 marzo 2019]

Padre Fulgenzio Cortesi Il nuovo sogno di padre Fulgenzio
Padre Fulgenzio Cortesi ha il sogno di realizzare il “Villaggio della Misericordia” per i bambini orfani e i ragazzi di strada di Haiti. Tre suore sono già pronte a partire per aprire la missione.
Progetto: 104279 Progetto: 104279 Link

Iscriviti alla Newsletter

Riceverai ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Sfoglia i progetti con flipboard Feed