Togo: Grazie per il pozzo di Sotouboua

Il dispensario della Canossiane, nella zona rurale di Sotouboua, prende forma con il nuovo pozzo e l'allaccio alla corrente. Salverà vite, curerà ferite e aiuterà soprattutto le mamme.

Grazie dal Togo
Le suore Canossiane ringraziano per il pozzo che da' acqua al dispensario di Sotouboua

Suor Lucienne Lompo da Sotouboua, a nome di tutte le suore Canossiane del Togo, ringrazia i benefattori di Cuore Amico per l'acqua che finalmente sgorga nel campo adiacente il dispensario.
Dopo tre tentativi di foratura del terreno, ecco finalmente trovata la falda. Il pozzo sarà di grande aiuto. Prima servirà per terminare il cantiere e poi per il buon funzionamento del dispensario quando arriveranno i malati.
Grazie e benedizioni del Signore per chi ha permesso di realizzare questo pozzo!



Luglio 2022. Suor Lucienne Lombo in un video messaggio dal Togo.


Un centro per la salute del bambino
Madre Daniela Balzarotti

Diritto alla salute per mamme e bambini | Pubblicato a gennaio 2021


Darà lavoro a 11 persone ma, soprattutto, offrirà assistenza a mamme e bambini il dispensario delle suore Canossiane in Togo, a Sotouboua.

Quattro ettari di speranza: sono quelli di cui possono disporre le suore Canossiane a Sotouboua, nella regione centrale del Togo. La struttura, realizzata anni fa da un missionario che aveva il progetto ambizioso di mettere in piedi una università, diventerà presto un centro di salute. Un dispensario per prendersi cura soprattutto delle mamme e dei loro bambini, molti dei quali musulmani, in un territorio in cui per raggiungere un ospedale bisogna percorrere decine di chilometri.
Un servizio, altrove non garantito, specializzato in maternità e pediatria, che sarà dotato anche di un laboratorio per approfondire alcune analisi cliniche, non disponibili in altri centri.
Spiega madre Daniela Balzarotti: «I villaggi sono a molti chilometri di distanza dalla cittadina di Sotouboua, dove si trova l’unico ospedale pubblico, e non ci sono dispensari dove andare in caso di malattia o per i morsi di serpenti: alcuni muoiono nei campi. Le donne passano molte ore a lavorare, anche quando sono incinte e per partorire vanno nelle proprie capanne. Niente acqua, niente igiene, niente assistenza. È Nata così l'idea di riabilitare una piccola struttura inutilizzata e trasformarla in un Centro di salute dove prestare i primi soccorsi e creare un’essenziale assistenza al parto. Salvare vite, curare ferite, aiutare a nascere: così vogliamo incarnare la nostra missione in quest’area».

Che cosa serve concretamente per trasformare il progetto in realtà?
Innanzitutto le risorse per ristrutturare l’edificio esistente e per dotarlo di alcuni locali: farmacia, laboratorio, ufficio della direzione, maternità, medicina e pronto soccorso.
E poi c'è bisogno di aiuto per portare la corrente elettrica da molto lontano, per alzare una recinzione e per realizzare un inceneritore a norma di legge per smaltire i rifiuti sanitari.
Il centro servirà la popolazione di sette villaggi sulla strada che porta verso il Benin e darà lavoro a 11 persone: dal farmacista agli infermieri, dai tecnici di laboratorio ai guardiani.
«Ci sono tanti cuori che battono» conclude madre Daniela. «Molti però smettono di battere mentre potrebbero essere salvati. La generosità dei vostri cuori può aiutarne altri a vivere».
Cuore Amico potrebbe far sbocciare il primo centro specializzato nella donna e nel bambino della regione?




Aprile 2021. Madre Daniela Balzarotti ha inviato un video messaggio dal Togo.



Aiutiamo le suore offrendo per: Un "simbolico" mattone (10 euro); Un metro del muro di cinta (100 euro); Attrezzature per la farmacia (mille euro); Inceneritore (3mila euro).


Dispensario in Togo
Le suore Canossiane visitano la struttura che diventerà un dispensario.

Un pozzo per l'acqua, un filo di luce. | Pubblicato a maggio 2021


Le basi per trasformare in realtà il sogno di un dispensario nel cuore del Togo, a un passo dal Benin, sono state gettate.

Per madre Daniela Balzarotti, delle Figlie della Carità Canossiane e per i sette villaggi della regione sarà un toccasana perché non ci sono altri Centres de santé nelle vicinanze.
«L'unico ospedale pubblico è a Sotouboua e non ci sono altre strutture dove andare in caso di malattia o per i morsi di serpenti: alcuni muoiono nei campi - racconta. - Le donne passano molte ore a lavorare, anche quando sono incinte, e per partorire vanno nelle proprie capanne. Niente acqua, niente igiene, niente assistenza».




Giugno 2021. Madre Daniela Balzarotti è venuta a trovarci per spiegare quanti fondi hanno a disposizione per cominciare i lavori e ringraziare chi ha già donato.



Di qui l'idea, frutto del costante dialogo tra fede, speranza e carità di queste piccole, grandi donne: «Riabilitare una piccola struttura inutilizzata e trasformarla in un Centro di salute, dove prestare i primi soccorsi e creare un’essenziale assistenza al parto. Salvare vite, curare ferite, aiutare a nascere». Sembra sentire riecheggiare la prima intervista di papa Francesco alla rivista La Civiltà Cattolica, quando consegnò al mondo l’immagine di una Chiesa “ospedale da campo”.
I lavori per la foratura del pozzo e per l'allaccio dell'energia elettrica dimostrano che si fa sul serio. «Ci sono tanti cuori che battono» ci dice commossa suor Daniela. «Molti smettono di battere mentre potrebbero essere salvati. La generosità dei vostri benefattori può aiutarne altri a vivere. Il cuore di Cuore Amico è grande, sempre pronto a rispondere e promuovere la vita. Grazie in anticipo per tutto quello che farete!»

Aiutiamo le suore offrendo per: allaccio alla rete elettrica (1.000 euro), attrezzature per la maternità (5.000 euro) o un "simbolico" mattone (10 euro)


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 105004 | Aggiornato il 27 luglio 2022  da P. Ferrari email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Togo

[Idp 104943 del 23 gennaio 2023]

strade sterrate del Togo Un fuoristrada per la nuova parrocchia
La Missione dei Comboniani è in crescita e presto nascerà una nuova parrocchia. Ma per l'azione pastorale in quella vasta area, ci vorrebbe un fuoristrada.
Progetto: 104943 Progetto: 104943 Link
Togo

[Idp 105509 del 10 agosto 2022]

Bambini poveri: Togo Un pozzo pieno di speranza
L'orfanotrofio Maison de l'enfant di Atakpamé ha bisogno di acqua potabile per i suoi 42 bambini.
Progetto: 105509 Link
Togo

[Idp 105543 del 9 agosto 2022]

persone malate in Togo Ciò che serve per potersi curare
Dalla missione di Tchébébé, le Suore Figlie di Maria Immacolata chiedono aiuto per la costruzione di un centro sanitario: un’opera di carità per rispondere a un bisogno concreto.
Progetto: 105543 Link

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed