Cuore amico

Papa Francesco: 1 gennaio, giorno della pace

Papa Francesco per il messaggio della 54ª Giornata Mondiale della Pace, che si celebra il 1° gennaio 2021, ha scelto come tema «La pace come cammino di speranza: dialogo, riconciliazione e conversione ecologica».

Giornata Mondiale per la Pace
Papa Francesco

Il messaggio di papa Francesco per la 54ma Giornata Mondiale della Pace trova i due Paesi che stanno nel mezzo della prima fascia subsahariana - la Repubblica del Sudan del Sud e la Repubblica Centrafricana - l'uno nel pieno di un faticoso processo di pacificazione e l’altro ancora attraversato da un aspro conflitto armato. Due Stati poverissimi e tormentati che il pontefice ha già mostrato di avere particolarmente a cuore.

[Il messaggio di Papa Francesco del 2021]

Nel 2019, infatti, aveva commosso l'opinione pubblica la foto in cui egli, ricevendo in Vaticano il presidente Salva Kiir e il vicepresidente Riek Machar, baciava i piedi dei due leader sud sudanesi, impegnati dal 2013 a combattersi in una guerra che ha fatto 200 mila morti e 4 milioni di sfollati, implorandoli di cessare la guerra che insanguinava la più giovane nazione del pianeta. E nel 2015 per aprire il Giubileo della Misericordia aveva scelto Bangui, capitale della Repubblica Centrafricana, penultimo Paese al mondo secondo l'Indice di sviluppo umano delle Nazioni Unite.


Sostieni un progetto missionario

Paesi poveri Centrafrica
Rep. Centrafricana. Le Suore della Provvidenza di Rouen cercano di
andare incontro anche ai bisogni educativi. Non solo dei bambini.


Paesi poveri Sud Sudan
Sud Sudan. La scuola è lo strumento indispensabile dal quale partire per ricostruire il
tessuto sociale di un Paese martoriato dalla guerra civile.



Già l'Enciclica Pacem in terris di Giovanni XXIII ricordava che, quando l'uomo è rispettato nei suoi diritti, germoglia in lui il senso del dovere di rispettare i diritti degli altri. In particolare, compito preminente della politica è «riconoscere, rispettare, comporre armonicamente, tutelare e promuovere i diritti e i doveri dei cittadini» (n. 45). È una sfida che tocca non solo le scelte politiche nazionali o internazionali, ma anche i nostri gesti quotidiani, per porci concretamente in cammino «sul sentiero di Isaia» come amava dire Giorgio la Pira, ed essere uomini e donne costruttori di pace.




Aggiornato il 1 gennaio 2021  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Sfoglia i progetti con flipboard Feed