Cuore Amico

Thailandia: Quando la disabilità è considerata una colpa

In molti Paesi del mondo la disabilità è ritenuta un peccato da espiare e nascondere. I missionari del Pime operano perché questo non accada.


Bambini disabili
I bisogni sono molti. Anche un piccolo aiuto fa la differenza.

In Thailandia le credenze della religione buddhista (di cui fa parte il 95% della popolazione) considerano la presenza in famiglia di un bambino o una persona con disabilità come l’espiazione di un male commesso nella vita precedente. Spesso i bambini con disabilità non vengono registrati all’anagrafe e il bambino e la madre vengono abbandonati al loro destino.
Questa situazione diviene particolarmente grave nel Nord del Paese, abitato in prevalenza dalle cosiddette “tribù dei monti”, minoranze etniche e tribali che vivono tra le montagne e in aree rurali, in situazioni di povertà ed emarginazione, sia sociale sia geografica.
Per questa fetta minoritaria e povera della popolazione, nella Diocesi di Chiang Rai, a Phrae, operano i missionari del Pime fin dal 1972.
Nel centro educativo San Giuseppe, padre Maurizio Arioldi con i suoi collaboratori lavora ogni giorno per curare e assistere bambini, giovani e adulti disabili, sia all’interno delle strutture del centro sia a domicilio, offrendo sostegno alla frequenza scolastica e all’inserimento lavorativo, cure mediche e la necessaria fisioterapia giornaliera.
Tante famiglie sono vicine alla soglia di povertà e hanno bisogno di aiuti alimentari e di sostegno economico per mandare a scuola i figli.
I bisogni sono molti. Anche un piccolo aiuto fa la differenza.



Come sostenere questo progetto

Per sostenere ogni bimbo del Centro San Giuseppe doniamo: materiale didattico (10 euro): libri (25 euro); fisioterapia (50 euro). Possiamo dare una mano?.

Dona ora conCredit Card   |   Altri modi per donare



Id progetto: 105854 | Aggiornato il 1 febbraio 2024  da L. Giacopuzzi   email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Thailandia

[Idp 104203 del 1 gennaio 2019]

missione in Thailandia

Per una rinascita dopo l'incendio
Un terribile incendio ha causato la morte di 17 bambine in una casa di accoglienza dei Padri Camilliani, che ora sono impegnati nella costruzione di un nuovo edificio.


Progetto: 104203

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Ics exTwitter Linkedin Telegram Feed