Cuore Amico

India: Cibo per la scuola degli ultimi

I padri gesuiti hanno bisogno di finanziare il pasto di mezzogiorno dei bambini che ospitano nella loro scuola, figli di lebbrosi e di persone poverissime.


Bambina povera in India
I figli dei malati di lebbra sono spesso vittime dello stesso stigma che colpisce i genitori.

Nelle vicinanze del fiume Balason vivono molte persone poverissime e senzatetto. Siamo a Matigara, nel distretto di Darjeeling, nel Bengala occidentale, dove si trova il centro medico Jesu Ashram, specializzato nella cura dei malati di lebbra. Qui viene compiuto ogni sforzo per la loro riabilitazione e non solo.
Accanto al centro medico esso i missionari gestiscono anche la scuola primaria Jesu Niketan, provvedendo gratuitamente all’istruzione di oltre 300 bambini poveri, cercando di assicurare un pasto al giorno, i materiali scolastici (libri, quaderni, penne, ecc.), le uniformi e tutto quanto può servire per frequentare le lezioni.
Questi bambini sono veramente figli e figlie degli ultimi: malati di lebbra, minatori, cavapietre, mendicanti, raccoglitori di stracci, lavoratori nei cantieri, migranti, rifugiati dal Bangladesh, lavoranti a giornata.


Scuola in India
La merenda nel cortile della scuola

Lo stigma dei lebbrosi
I pazienti ed ex-pazienti di lebbra spesso vengono disprezzati e, con loro, tutta la famiglia; i loro figli non avrebbero perciò alcuna possibilità di frequentare la scuola.
La maggior parte dei pazienti è fisicamente deforme a causa di interventi chirurgici o perché si sono sottoposti alla cauterizzazione degli arti.
Tutti dipendono da questo centro medico per il sostentamento, per il cibo, per l'assistenza medica e anche per la cura dei figli che vengono educati nella scuola primaria Jesu Niketan.

Poveri e senzatetto
Si tratta di lavoratori migranti interni, cavatori di sabbia, minatori, profughi provenienti dal Bangladesh, dal Nepal, dagli Stati indiani di Assam, Bihar e Meghalaya.


Studenti a scuola
Bambini, tutti in classe!

Molte di queste persone lavorano nelle cave lungo il fiume, dove le condizioni sono durissime perché questo lavoro richiede molta energia fisica, mentre la paga è minima.
Usano picconi, badili, vanghe e cesti da trasporto per ricavare sabbia e pietre e, anche quando riescono a lavorare, non hanno comunque una casa in cui andare, né un luogo in cui ripararsi dal sole dei tropici.
Non sono rari gli incidenti, perché il rischio di essere sommersi dalla sabbia o dal fango è sempre in agguato. Alcune famiglie vivono raccogliendo e vendendo stracci, altre sono costrette a rovistare tra i rifiuti in cerca di cibo.

La richiesta dei gesuiti
Sia per gli ammalati, sia per i senzatetto e lavoratori poveri, la disponibilità a occuparsi dell’istruzione dei figli è praticamente nulla, perché la ricerca del pane è l’unica preoccupazione.
I padri Julius Kujur e Alvin Minj chiedono aiuto per garantire per un anno il cibo dei bambini che frequentano la scuola.
Senza questo sostegno da parte dei gesuiti, i figli di queste persone non avrebbero da mangiare.


Come sostenere questo progetto

Per garantire un pasto al giorno ai bambini della scuola servono 6 mila euro all'anno. Bastano 20 euro per ogni bambina o bambino.

Dona ora conCredit Card   |   Altri modi per donare



Id progetto: 106039 | Aggiornato il 1 luglio 2024  da Redazione Cuore Amico   email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

India

[Idp 106072 del 1 agosto 2024]

Ragazze a scuola

Macchine da cucire per sposarsi!
Le giovani donne cattoliche, di bassa casta e discriminate, non riescono a sposarsi se non hanno un lavoro. Padre Ammana Raja Godi intende insegnarglielo.


Progetto: 106072
India

[Idp 106038 del 2 giugno 2024]

donne con catini

Acqua fonte di vita
In India, nel Distretto di Nadia, l'acqua contaminata causa problemi di salute alla popolazione locale che in buona parte soffre di disturbi di stomaco e diarrea.


Progetto: 106038
India

[Idp 105840 del 1 giugno 2024]

Bambini poveri India

Grazie per... il pulmino
I Frati Minori Conventuali sono presenti in India in molti Stati, compreso il Kerala. Ad Angamaly seguono persone ammalate di Hiv/Aids, tra cui molti bambini. Oggi hanno un nuovo pulmino per la loro missione.


Progetto: 105840

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Ics exTwitter Linkedin Telegram Feed