Dona Newsletter
Cuore amico

Madagascar: Piccola Casa di Nazareth

"Mamma" Madeleine chiede un aiuto a distanza per le piccole orfane che vivono con lei nella casa voluta da padre Paolo Zanchetta, Carmelitano Scalzo.

bambine

Referenti: Mamma Madeleine e padre Paolo Zanchetta (fondatore)
Congregazione: Carmelitani Scalzi

È una bellissima storia quella della "Piccola Casa di Nazareth" nel nord del Madagascar, la cui costruzione è iniziata nel 2010 grazie al sostegno del missionario bresciano Padre Paolo Zanchetta.
Situato nel Comune di Amp Anefy, nella provincia di Tananarive Atsimondrano, attualmente ospita otto ragazze e due adulte. È stata Madeleine Rasoatahina, conosciuta da padre Zanchetta da quando aveva solo tre anni, a dare il via a questa avventura di solidarietà e accoglienza. Da grande, Madeleine avrebbe voluto farsi religiosa, anche se a suo padre l’idea non piaceva, conoscendo il carattere molto sensibile della figlia. Infatti non è rimasta a lungo presso le Suore Serve del Sacro Cuore. Ha iniziato a girovagare per la regione cercando lavoro nel tentativo di rendersi indipendente. Viste le difficoltà, si è rivolta a padre Zanchetta per un aiuto economico. Ricevuto un piccolo sostegno per pagare l’affitto, dopo qualche tempo Madeleine trovò un’altra ragazza per condividere gioie e fatiche della vita quotidiana e offrirle un posto in cui abitare e vivere dignitosamente. Aiutandosi a vicenda e vedendo che la cosa funzionava, le due ragazze hanno accolto alcune bambine in un’apposita casetta costruita su un terreno acquistato grazie all’aiuto del missionario.
Da abitazione personale, la casetta di Madeleine, che è responsabile della minuscola struttura, è diventata col tempo una casa-famiglia per accogliere orfani o minori che i genitori non sono in grado di mantenere e curare. La casetta è piccola e al momento non consente di accogliere altri minori. Per questo è necessario ampliare l’edificio. Sinora sono state accettate solo bambine e ragazze per facilitarne l'educazione in quanto solo una responsabile si prende cura di loro. Negli ultimi mesi però sono stati accolti tre fratellini, un maschietto e due femminucce.
Il contributo richiesto è per il funzionamento e la gestione della piccola casa: le ospiti sono bambine in età scolastica e hanno bisogno di libri, e materiale per frequentare la scuola, oltre a generi alimentari, medicine e prodotti per l’igiene personale, vestiario e provvedere al pagamento delle rette scolastiche. L'educazione scolastica viene completata partecipando alle varie iniziative parrocchiali.


fondatore
Padre Paolo Zanchetta, fondatore della casa-famiglia

Id progetto: 103851 | Aggiornato il 1 marzo 2018  da Redazione Cuore Amico email | modifica


Sostegno a distanzaIl sostegno a distanza

Il sostegno a distanza è un impegno morale di condivisione del progetto per 4/5 anni ma non è un contratto. Il benefattore ha quindi la facoltà di recedere in qualsiasi momento. I missionari, attraverso Cuore Amico, si impegnano a far giungere ai benefattori lettere, disegni e fotografie dei bambini gemellati. Per informazioni chiamaci in orario d'ufficio allo 030 3757396

Per un bambino o bambina bastano 300 euro all'anno, anche a rate.

Per un seminarista o una novizia servono 600 euro all'anno.

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali





Iscriviti alla Newsletter

Riceverai ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Sfoglia i progetti con flipboard Feed