Ecuador: Una comunità povera ma viva

Guangaje è la parrocchia più povera dell'Ecuador, il Paese sudamericano compreso tra l'Oceano Pacifico, la foresta Amazzonica e la cordigliera delle Ande.

Sacerdote sulle Ande
Don Claudio Bernardi in processione nella sua parrocchia

A 4mila metri di altitudine vivono circa 8.500 campesinos sparsi in 37 villaggi, in condizioni climatiche difficilissime e su un terreno sabbioso di origine vulcanica. Per vivere si coltivano patate e cipolle, un po' di orzo e poco altro. In mezzo a gente poverissima - costituita in gran parte da vecchi, bambini e disabili, perché giovani e adulti emigrano a ingrossare le file degli emarginati delle grandi città - vive padre Claudio Bernardi, 43enne che dopo tanti anni passati da volontario nell’Operazione Mato Grosso (Omg), da cinque è prete della diocesi di Latacunga.
In questi primi anni a Guangaje il suo tempo l'ha speso principalmente a conoscere le persone, una a una, proprio come fece prima di lui padre Tone Bresciani, sacerdote salesiano legato all’Omg che ha speso la sua vita in mezzo a questi indios, tanto da averne imparato la lingua kichwa.


Padre Tone

Tratta tutti signorilmente, specie i poveri e gli ineducati, e lascia fare al Signore”. (padre Tone Bresciani)

«Tone questa frase tentò di viverla e metterla in pratica tutta la sua vita» ricorda padre Claudio, che ha trovato in quella gente la sua seconda famiglia.
«Con alcuni operai costruiamo piccole case (due stanze, un tetto in lamiera, una porta e due finestre)» ci racconta. «Una delle ultime era per una famiglia di Pactapungo, il cui capofamiglia, Manuel, è cieco. Prima di lui abbiamo aiutato Victoria, vedova con tre figli, e Julio Agustin Lutuala, vedovo di 82 anni che vive con 3 nipoti da accudire perché la madre lavora in città».



Abbiamo incontrato don Claudio Bernardi a dicembre 2020 e raccolto la sua storia di missione in un video.


Chiesa in Ecuador
La vecchia chiesa parrocchiale ha bisogno di essere ristrutturata.

Cerca di fare anche la manutenzione delle cappelle della parrocchia e lavori di interesse comunitario come piccoli sistemi di acqua potabile, aule scolastiche, cimiteri.
Il ruolo del parroco, infatti, è più simile a quello del sindaco, visto che le autorità pubbliche non si fanno vedere molto spesso.
Don Claudio porta anche nelle case viveri (più di 500 razioni ogni mese) e visita i malati fornendo medicine, aiutando economicamente per visite ed esami specialistici o per interventi chirurgici, con il trasporto verso le strutture sanitarie locali.
«Un sogno che ho da quando sono arrivato a Guangaje è poter ristrutturare la vecchia chiesa parrocchiale, costruita 40 anni fa da padre Tone. Non é mia intenzione trasformarla in una cattedrale ma, almeno, renderla decente e darle il valore che si merita come luogo di incontro e di preghiera della comunità. Come avrete capito c’è da rimboccarsi le maniche. Da qualsiasi parte si apra la porta ai bisogni della gente, il rischio è quello di essere travolti da una valanga».


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 105031 | Aggiornato il 1 aprile 2021  da P. Ferrari email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Ecuador

[Idp 105518 del 19 settembre 2022]

Missionaria in Ecuador Mariella Anselmi

Progetto: 105518 Progetto: 105518 Link
Ecuador

[Idp 105473 del 24 maggio 2022]

Lavatoio in cemento Acqua potabile per i campesinos
Peppo e Adriana Piovanelli, missionari laici in Ecuador, vorrebbero far giungere l’acqua potabile in alcune casette situate a oltre 3.200 metri d'altezza.
Progetto: 105473 Link
Ecuador

[Idp 105437 del 21 marzo 2022]

missionario laico Emergenza alluvione
Forti piogge hanno causato inondazioni e gravi danni in Ecuador, colpendo la popolazione più povera che si trova in forte difficoltà economica.
Progetto: 105437

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed