Cuore amico

Turchia: Donne in carcere , c'è chi pensa a loro

Visitare i carcerati, o meglio le carcerate. Questo il precetto evangelico che vede impegnata suor Miriam Oyarzo, Francescana Missionaria del Sacro Cuore.

donna con mascherina

La Turchia, grande paese musulmano di oltre 82 milioni di abitanti, fa spesso parlare di sé per il mancato rispetto dei diritti umani, per il crescente fondamentalismo religioso, per la spregiudicata politica internazionale.
Ma noi preferiamo parlarne per un'iniziativa che mostra quanto un umile servizio testimoni il grande impegno della Chiesa. A Istanbul si trova il carcere femminile di Bakırköy, dove sono recluse donne straniere, con pesanti condanne (che possono arrivare fino a 25 anni di prigione).


lavoro al telaio

Molte di loro soffrono di attacchi d'ansia causati dall'isolamento e da forti depressioni. In questa difficile situazione, la Pastorale penitenziaria diocesana del Vicariato Apostolico di Istanbul offre un servizio di visita alle donne incarcerate. La direzione del carcere permette di incontrare soltanto quelle che si professano cristiane.
Suor Miriam Oyarzo, insieme a una équipe ecumenica, offre alle donne un sostegno spirituale attraverso la preghiera, l'ascolto e qualche aiuto economico.


donna in Turchia

AMNISTIA E ACCOGLIENZA
Con l'emergenza dell’epidemia Covid-19, un ulteriore problema si è presentato con grande urgenza: le autorità penitenziarie, in seguito a un’amnistia, hanno scarcerato per motivi sanitari alcune recluse, volendo evitare, per quanto possibile, il diffondersi della malattia nella prigione.
Perciò le Suore e i Padri Francescani di Istanbul[Link] si trovano ad accogliere e assistere venti donne rimesse in libertà, inermi e prive di tutto. Le Suore hanno messo a disposizione un ambiente ospitale e caloroso: una "famiglia", che possa aiutare ognuna di loro ad avere un luogo, una "casa" favorendo le condizioni per riprendere la loro libertà e l'autostima personale. Inoltre, le Suore cercano di offrire assistenza medica e di fornire tutte le medicine di cui hanno bisogno. Suor Miriam lancia un appello a Cuore Amico perché l’accoglienza e il reinserimento di queste donne sia concretamente possibile. Le spese sono tante: oltre alle medicine sono necessari prodotti per la casa (detersivi, disinfettanti, guanti), prodotti per l'igiene personale, mascherine, abiti (le donne scarcerate non avevano nemmeno un abito), scarpe, biancheria, asciugamani.


Come sostenere questo progetto

Offriamo per ogni donna: Cibo e saponi per igiene personale (40 euro/settimana) | Abbigliamento e calzature (80 euro) | Visite mediche e medicine (100 euro) | Detersivi e disinfettanti per la casa (200 euro/mese)

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali



Id progetto: 104857 | Aggiornato il 25 settembre 2020  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Sfoglia i progetti con flipboard Feed