Instagram Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+ Newsletter
Cuore Amico Fraternità Onlus

Sfoglia on line
Gennaio 2018 La rivista Cuore Amico

Copertina con Qr
Sfoglia la rivista utilizzando il codice Qr o il link in questa pagina
copertina
La copertina di Cuore Amico di Gennaio 2018

Aggiornato il 1 gennaio 2018  da Redazione Cuore Amico email

La nostra rivista mensile arriva per posta ai benefattori ma anche tu puoi sfogliarla in pdf.

Se però la vuoi ricevere gratuitamente a casa, scrivi a: abbonamenti@cuoreamico.org o telefona allo 030 3757396. Potrai scegliere un progetto missionario da sostenere!

Il volto di Gesù di don Flavio Dalla Vecchia - Presidente

Uno tra i testi più ispirati composti da Leopardi presenta un dialogo tra un venditore di calendari e un passeggero, affrontando un tema assai intrigante.
Il passeggero domanda infatti al venditore: «Credete che sarà felice quest’anno nuovo?». Ogni anno ci scambiamo gli auguri e anche questo mio breve scritto vuole associarsi a questo costume; forse però vale anche per noi la provocazione con cui si chiude quel dialogo: «Con l’anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice? Non è vero?». «Speriamo» risponde il venditore. L'augurio che rivolgo a voi benefattori non è tuttavia di affidarci al caso: vi invito invece a contemplare un volto, quello di Gesù che si è identificato con i poveri, i malati e gli oppressi del suo tempo; lui che non si stancava di circondarsi di bambini chiassosi che indispettivano i suoi discepoli; lui che non temeva di farsi vicino a quelli che altri scansavano per paura di perdere la propria rispettabilità.
Un volto che ancora ci provoca, perché Gesù ci ha detto: «tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me».
L’augurio per il nuovo anno è perciò che questo volto ci provochi: così non sarà il caso a trattare bene noi e gli altri, ma noi che, sostenendo chi si prende cura dei poveri e degli ammalati e offrendo la nostra solidarietà a chi opera per la giustizia e la pace, vogliamo accogliere l’invito evangelico: «Voi stessi date loro da mangiare!».








Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Sostieni Cuore Amico  


Credit Card
Dona con carta di credito