Cuore amico

Timor Est: Timor Est colpita dalla alluvione

Le piogge torrenziali che si sono riversate su Timor Est hanno lasciato una scia di distruzione e di morte. Molti degli sfollati nel seminario di Dili sono pescatori che hanno perso tutta la loro attrezzatura. Padre Adriano Carazzolo intende aiutarli.

Emergenza Alluvione Timor Est
Le piccole barche che si sono salvate non sono sufficienti a far ripartire l'economia del villaggio.

Padre Adriano Carazzolo, missionario canossiano, lancia un appello per aiutare la popolazione della zona in cui si trova il seminario di Dili, situato sulla costa, a 14 km dalla capitale. A causa della disastrosa alluvione del giorno di Pasqua, nel cortile del seminario hanno trovato rifugio circa 600 persone, scappate dalla furia dell’acqua senza avere il tempo di portare nulla con sé e abbandonando tutte le loro proprietà.
Per fortuna il seminario non è stato danneggiato dalle acque in quanto si trova in una posizione elevata rispetto alla costa e ha così potuto servire da primo rifugio d’emergenza… tre donne hanno partorito trasformando il seminario in una piccola maternità!
Ora sono rimasti circa 240 sfollati, le cui abitazioni sono state distrutte o gravemente danneggiate.
Le persone rifugiate nel seminario sono quasi tutte pescatori che, oltre alla casa, hanno perso anche i mezzi necessari per lavorare e per procurarsi da vivere. Padre Carazzolo vorrebbe aiutarli ad acquistare barche e reti per continuare la pesca e quindi consentire loro di continuare a lavorare e di mantenere la famiglia, con figli piccoli e bambini che devono andare a scuola.
Insomma, è necessario più che dare il pane… dare il pesce.




Padre Adriano ci racconta la difficile situazione dei pescatori che hanno perso tutto a causa del ciclone Seroja.


I danni della alluvione
La forza distruttrice del ciclone tropicale Seroja che ha investito il piccolo Stato di Timor Est e alcune isole indonesiane.

Rifugiati nel seminario, non hanno più nulla. (giugno 2021)
Urgono aiuti per i sopravvissuti. Padre Adriano Carazzolo, missionario canossiano, ha cercato di organizzare una prima forma di aiuto.

La tragedia che ha colpito la parte orientale dell’isola di Timor ha messo a dura prova famiglie, anziani, bambini e disabili, tutte persone poverissime che vivevano in baracche di lamiera travolte dalla furia dell’acqua. Padre Adriano Carazzolo, missionario canossiano, ha cercato di organizzare una prima forma di aiuto per chi ha perso tutto: i seminaristi hanno ceduto le loro camere alle mamme con bambini piccoli, mentre altri sfollati hanno provvisoriamente trovato riparo nel campo da gioco coperto che si trova all’esterno del seminario.
Queste persone hanno bisogno di tutto: materassi su cui dormire (si coricano anche sul cemento del cortile del seminario o su qualche stuoia), coperte, vestiti, medicinali, prodotti igienici e cibo.
Il vescovo e altri benefattori hanno subito messo a disposizione sacchi di riso e quanto avevavo, ma questi aiuti preziosi non possono bastare. Anche una suora canossiana infermiera è impegnata nell’assistenza alle persone ferite e ammalate.
È una situazione difficilissima, anche perché si prevede che queste persone dovranno rimanere a lungo nel seminario.


Come sostenere questo progetto

Aiutiamo a ripartire i pescatori che hanno perso tutto:
Una barca con le reti costa 8.000 euro.
Sosteniamoli anche con una piccola offerta.

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali



Id progetto: 105158 | Aggiornato il 2 luglio 2021  da F. Tagliaferri email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Timor Est

[Idp 105160 del 2 luglio 2021]

Macerie dopo alluvione a Timor Est Aiuti per le famiglie
Le piogge torrenziali che si sono riversate su Timor Est hanno lasciato una scia di distruzione e di morte. Urgono aiuti per i sopravvissuti. Le suore Salesiane e i padri salesiani hanno cercato di organizzare una prima forma di aiuto.
Progetto: 105160 Progetto: 105160
Timor Est

[Idp 103184 del 30 giugno 2016]

Images Rispondere alla chiamata di Dio
I missionari canossiani vorrebbero costruire una Casa di formazione per giovani seminaristi. Ecco il loro progetto.
Progetto: 103184 Link

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed