Mapuordit (Sud Sudan): Grazie dall'ospedale di Mapuordit

Nella missione di Mapuordit, avviata nel 1993 da mons. Cesare Mazzolari, dal 2002 si trova un ospedale ancora oggi gestito dai Comboniani.

Missionario comboniano in Sud Sudan
Fratel Paolo Rizzetto

Cari Amici, sono fratel Paolo Rizzetto - Missionario Comboniano - attualmente Direttore Medico e Amministratore dell'Ospedale Mary Immaculate, di proprietà della Diocesi di Rumbek, e gestito per la stessa da parte dei Missionari Comboniani in Sud Sudan.
Spero che voi amici e benefattori della Associazione stiate bene in salute e nello spirito e che, tutti, stiate vivendo questo tempo di ansietà generata dalla pandemia con fiducia che le cose andranno meglio.
Tramite l'interessamento di padre Stefano Zuin abbiamo ricevuto da Cuore Amico la donazione di 10 mila euro. Approfitto di questo canale per esprimere a nome mio e dell'ospedale nella sua interezza, la nostra gratitudine per il supporto che ci avete accordato.
Vi porto, con un certo ritardo, gli auguri di buona Pasqua e quelli per vivere questo ulteriore tempo di pandemia con speranza.
Grazie di nuovo, con tutto il cuore.
Frat. Paolo Rizzetto MCCJ da Mapuordit, Sud Sudan.


ospedale fondato nel 2002
L'ospedale Maria Immacolata di Mapuordit


Un ospedale in Africa a servizio dei più poveri
| Pubblicato a ottobre 2019

Padre Stefano Zuin, missionario comboniano in Sud Sudan, lancia un appello ai benefattori di Cuore Amico per un aiuto all'Ospedale di Mapuordit dove opera fratel Paolo Rizzetto.

Nella missione di Mapuordit, avviata nel 1993 dal vescovo comboniano mons. Cesare Mazzolari, si trova l'ospedale “Maria Immacolata”. Fondato nel 2002, nell'allora unico Sudan, l'ospedale è ancora oggi gestito dai missionari Comboniani.
Padre Stefano Zuin ci porta le ultime notizie dall'ospedale, attualmente diretto da fratel Paolo Rizzetto, medico. [Link]
Dispone di 113 letti con sei dipartimenti: medicina, due chirurgie, pediatria, maternità, infettivi. È inoltre molto attivo un ambulatorio per pazienti esterni che vengono anche da 100 km di distanza. Le malattie più frequenti sono malaria, patologie respiratorie, parassitosi intestinale, altre malattie tropicali e aids (una delle maggiori cause di decesso tra gli adulti).
Nel corso di questi 17 anni di attività l’ospedale e il suo staff si sono fatti apprezzare per la qualità dell’assistenza sanitaria, e non è poco, in uno dei Paesi più poveri del pianeta.
È molto difficile, però, chiedere a una popolazione poverissima, reduce da una guerra sanguinosa che ha causato vittime innocenti, profughi e sfollati, di pagare un contributo anche molto modesto per le cure erogate.
La gente è allo stremo. Fame e malattie sono di casa. Facciamo il possibile per aiutare gli ammalati di Mapuordit. Possiamo offrire: Un pasto (5 euro) | Medicazioni chirurgiche (50 euro) | Medicine (100 euro)


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 104306 | Aggiornato il 1 maggio 2021  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Sud Sudan

[Idp 105322 del 22 novembre 2021]

Missione da ricostruire in Sud Sudan Riapriamo la missione di Malakal
Le Suore Missionarie Comboniane vorrebbero rientrare nella loro comunità sud sudanese per riprendere l'attività di evangelizzazione e assistenza alla popolazione.
Progetto: 105322 Progetto: 105322
Sud Sudan

[Idp 105241 del 23 ottobre 2021]

missionario comboniano in Africa Christian Carlassare - Per l’unità e la pace
«La Chiesa deve lavorare per promuovere la giustizia e la pace, soprattutto in Sud Sudan. Per questo è importante la testimonianza: tornare alla radice degli insegnamenti di Gesù, creare comunità e vivere in modo autentico la propria fede».
Progetto: 105241 Progetto: 105241 Link
Sud Sudan

[Idp 104999 del 31 dicembre 2020]

ricostruzione post bellica Sud Sudan La scuola per prima!
Dal 2013 al 2018 in Sud Sudan ha imperversato una guerra civile che ha fatto molti morti e raso al suolo villaggi e città, chiese e scuole. Oggi, con coraggio, la diocesi di Malakal vuole avviare una prima ricostruzione, partendo dalla scuola.
Progetto: 104999

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed