Sud Sudan: Riapriamo la missione di Malakal

Le Suore Missionarie Comboniane vorrebbero rientrare nella loro comunità sud sudanese per riprendere l'attività di evangelizzazione e assistenza alla popolazione.

Missione da ricostruire in Sud Sudan
La casa delle suore ha bisogno di tanta manutenzione per potere riaprire.

«Oggi la città di Malakal e il territorio circostante sono più sicuri, possiamo riaprire la nostra casa! » L’annuncio gioioso che ci ha dato suor Elena Balatti, qualche settimana fa, ci ha reso felici.
Nei nostri uffici abbiamo infatti ricordato che le missionarie avevano dovuto lasciare la zona a metà 2014, quando furono evacuate dalle Nazioni Unite in ragione dei continui scontri armati che si verificavano. Erano due gruppi in lotta per il potere che si affrontavano, e avrebbero continuato così fino al 2018, anno in cui è stato raggiunto un accordo tra le fazioni che, tra alti e bassi, regge ancora oggi.


ragazze povere del Sud Sudan
Una suora comboniana con alcune ragazze

Allora le missionarie, insieme alla popolazione, fuggirono dapprima nella foresta, e poi trovarono rifugio nel campo profughi delle Nazioni Unite, insieme a migliaia di sfollati.
Mentre l’intero Paese sta cercando di incamminarsi sulla via della pace, si fanno oggi i conti con la ricostruzione: molte strutture diocesane sono state rase al suolo e anche la casa delle suore, danneggiata e saccheggiata negli anni del conflitto, ha bisogno di importanti lavori di ristrutturazione. Occorre rendere possibili le riparazioni e i rifacimenti necessari per abitare la casa, i cui costi sono alti perché i materiali da costruzione non si trovano in loco e devono essere trasportati da molto lontano.
Il ritorno delle suore consentirebbe di riprendere il lavoro degli anni passati nell’evangelizzazione, nell’educazione e nell’assistenza ai più poveri. Ecco perché va appoggiato.


Come sostenere questo progetto

Aiutiamo le suore a ricostruire la missione. Per rifare una stanza (1.000 euro) o un mattone simbolico (50 euro)

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali



Id progetto: 105322 | Aggiornato il 22 novembre 2021  da F. Tagliaferri email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Sud Sudan

[Idp 105241 del 23 ottobre 2021]

missionario comboniano in Africa Christian Carlassare - Per l’unità e la pace
«La Chiesa deve lavorare per promuovere la giustizia e la pace, soprattutto in Sud Sudan. Per questo è importante la testimonianza: tornare alla radice degli insegnamenti di Gesù, creare comunità e vivere in modo autentico la propria fede».
Progetto: 105241 Progetto: 105241 Link
Mapuordit (Sud Sudan)

[Idp 104306 del 1 maggio 2021]

Missionario comboniano in Sud Sudan Grazie dall'ospedale di Mapuordit
Nella missione di Mapuordit, avviata nel 1993 da mons. Cesare Mazzolari, dal 2002 si trova un ospedale ancora oggi gestito dai Comboniani.
Progetto: 104306
Sud Sudan

[Idp 104999 del 31 dicembre 2020]

ricostruzione post bellica Sud Sudan La scuola per prima!
Dal 2013 al 2018 in Sud Sudan ha imperversato una guerra civile che ha fatto molti morti e raso al suolo villaggi e città, chiese e scuole. Oggi, con coraggio, la diocesi di Malakal vuole avviare una prima ricostruzione, partendo dalla scuola.
Progetto: 104999

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed