Sud Sudan: La scuola per prima!

Dal 2013 al 2018 in Sud Sudan ha imperversato una guerra civile che ha fatto molti morti e raso al suolo villaggi e città, chiese e scuole. Oggi, con coraggio, la diocesi di Malakal vuole avviare una prima ricostruzione, partendo dalla scuola.

ricostruzione post bellica Sud Sudan
Padre Christian Carlassare, missionario comboniano, in una classe di bambini

In Italia, nell'ottobre 2020, è stato firmato un accordo per il cessate il fuoco tra il governo sud sudanese e le forze ribelli che si combattono dal 2013 in un cruento conflitto etnico. Si è riaccesa così la speranza in una pace più duratura delle precedenti. In quella occasione sono riecheggiate le parole di papa Francesco che ha invitato le parti in guerra a concentrarsi «su cosa unisce e non su cosa divide».
La scuola è lo strumento indispensabile dal quale partire per ricostruire il tessuto sociale del Paese. La pensano così anche il vescovo della Diocesi di Malakal, mons. Stephen Nyodho, e padre Christian Carlassare, missionario comboniano che lo affianca in questo momento post conflitto.


Bambini poveri Sud Sudan

Non è affatto semplice: a Malakal, una delle principali città del Paese, ci sono tre scuole e bisogna pianificare anche la riapertura di piccole scuole elementari nelle 15 parrocchie del territorio diocesano, grande più di mezza Italia.
I danni subiti a causa della guerra sono certamente ingenti ma, visto che le scuole sono chiuse a causa del Covid-19 (anche quest'ultimo anno scolastico è completamente saltato) si possono acquistare i materiali necessari a chiudere le crepe, riparare i tetti, ridipingere, rimettere porte e finestre.
Non bisogna perdere tempo: formare le giovani generazioni e plasmarle ai valori universali della pace e della tolleranza è certamente un obiettivo per il quale vale la pena di affrettarsi, e Cuore Amico è dalla loro parte.


Per approfondire
Cinque anni di guerra civile in Sud Sudan hanno causato circa 200.000 morti e due milioni di sfollati all'interno del Sudan del Sud, oltre ad altri due milioni e mezzo di profughi nei Paesi confinanti. È iniziata nel 2013 ed è stata combattuta tra le forze fedeli al presidente Salva Kiir e quelle del suo ex vice Riek Machar, spaccando il Paese lungo faglie etniche che hanno visto l'etnia Dinka contro la Nuer. Il processo di riconciliazione è appena cominciato e si preannuncia lungo e difficile.


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 104999 | Aggiornato il 31 dicembre 2020  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Sud Sudan

[Idp 105322 del 22 novembre 2021]

Missione da ricostruire in Sud Sudan Riapriamo la missione di Malakal
Le Suore Missionarie Comboniane vorrebbero rientrare nella loro comunità sud sudanese per riprendere l'attività di evangelizzazione e assistenza alla popolazione.
Progetto: 105322
Sud Sudan

[Idp 105241 del 23 ottobre 2021]

missionario comboniano in Africa Christian Carlassare - Per l’unità e la pace
«La Chiesa deve lavorare per promuovere la giustizia e la pace, soprattutto in Sud Sudan. Per questo è importante la testimonianza: tornare alla radice degli insegnamenti di Gesù, creare comunità e vivere in modo autentico la propria fede».
Progetto: 105241 Link
Mapuordit (Sud Sudan)

[Idp 104306 del 1 maggio 2021]

Missionario comboniano in Sud Sudan Grazie dall'ospedale di Mapuordit
Nella missione di Mapuordit, avviata nel 1993 da mons. Cesare Mazzolari, dal 2002 si trova un ospedale ancora oggi gestito dai Comboniani.
Progetto: 104306

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed