Repubblica Centrafricana: Comunicare il Vangelo attraverso i mass media

È possibile aiutare e sostenere la missione attraverso i mass media? Sicuramente sì. Padre Fabrizio Colombo, missionario Comboniano, ci racconta il suo impegno per diffondere l’uso della radio nelle diocesi africane.

Missionario Repubblica Centrafricana
Padre Fabrizio Colombo con alcuni seminaristi

«Da oltre 15 anni viaggio in molti Paesi dell'Africa per sostenere, formare e accompagnare progetti di comunicazione e media missionari. La missione è comunicazione, e dare una mano a far crescere i media missionari è un’attività fondamentale, perché consente di arrivare più facilmente alla gente contribuendo alla coesione sociale, alla pace e alla giustizia. Tutto questo rende l’annuncio del Vangelo vero e credibile.
La radio in particolare resta uno strumento popolare perché annulla le distanze e avvicina chi vive in zone isolate all’interno di un Paese.


Giornata Mondiale della Radio
La radio è uno strumento popolare perché annulla le distanze e avvicina chi vive in zone isolate all'interno di un Paese.

Per contribuire all'attivazione di una radio parrocchiale sto collaborando in questo periodo con il centro giovanile della parrocchia di Nostra Signora di Fatima, a Bangui, in Repubblica Centrafricana, dove gli scontri armati sono all'ordine del giorno e si sono verificati anche in questa parrocchia, oggi protetta dai militari delle Nazioni Unite. Attivare, in questo contesto, una radio è un modo per influire positivamente sul cambiamento di mentalità, dare speranza a chi si mette in ascolto e incoraggiare i giovani che parteciperanno ai corsi a impegnarsi in un servizio che può diventare anche un lavoro.
So che i benefattori di Cuore Amico sono attenti alla promozione dei valori umani ed evangelici e, per questo, oso chiedere un supporto per acquistare parte del materiale che verrà installato e servirà per avviare la radio. Sono apparecchiature tecniche che non si trovano in loco e che la parrocchia non può procurarsi. Non posso che ringraziare chi mi aiuterà in questa mia missione di formazione e accompagnamento».
di padre Fabrizio Colombo - vice-presidente dell'Associazione Cattolica Crec International - Centro per la ricerca e Studio alla Comunicazione.


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 105014 | Aggiornato il 19 gennaio 2021  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Repubblica Centrafricana

[Idp 105456 del 26 aprile 2022]

Campo di mais Il lavoro nei campi per recuperare i bambini-soldato
Un progetto agricolo per recuperare ragazzi dall’infanzia distrutta: le suore della Carità di Santa Antida da Thouret vogliono coltivare non solo la terra, ma anche la speranza.
Progetto: 105456
Repubblica Centrafricana

[Idp 102929 del 24 gennaio 2022]

Missionario Comboniano Sante Messe per i missionari
In un Paese in cui regnano instabilità, colpi di stato e ribellioni armate, aiutiamo padre Gianantonio, che ha più di ottant’anni, nel suo apostolato in una zona che si trova sulla linea del fuoco.
Progetto: 102929 Link
Repubblica Centrafricana

[Idp 104881 del 24 luglio 2020]

Bambino soldato in Africa Educare i bambini per dare loro un futuro
A Bokaranga, un piccolo villaggio di 16mila abitanti, la missione delle Suore della Carità cerca di dare un futuro ai bambini soldato, vittime senza diritti nel martoriato Centrafrica.
Progetto: 104881

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed