Cuore amico

Libano: Curiamo le ferite di Beirut

All’indomani dello scoppio delle esplosioni nel porto di Beirut, avvenuto il 4 agosto 2020, ci sono ancora molti sfollati e case danneggiate. In uno dei quartieri più colpiti una parrocchia di rito greco-cattolico cerca di porre rimedio.

esplosione Beirut bambini sfollati
Esplosione di Beirut, le macerie

Sappiamo tutti che nel pomeriggio del 4 agosto 2020 si sono verificate due esplosioni nel porto di Beirut, la capitale libanese. La seconda esplosione è stata molto potente: ha causato 178 morti e circa seimila feriti, mentre trenta persone sono tutt'ora disperse. I danni sono stimati tra gli 8 e i 12 miliardi di euro e circa 300mila persone sono ancora senza casa. Ma l'economia libanese era già in grave crisi prima di questa tragedia: il governo ha dichiarato nel marzo 2020 la bancarotta, la lira libanese è crollata e il tasso di povertà ha raggiunto il cinquanta per cento. Inoltre, la pandemia da Covid-19 ha travolto gli ospedali, già a corto di forniture mediche e non più in grado di pagare il personale a causa della crisi finanziaria.


Beirut Libano esplosione
4 agosto 2020. Due esplosioni devastano il quartiere del porto di Beirut.

Il porto di Beirut è un’infrastruttura vitale, perché è il principale punto d’ingresso per le merci via mare. Prima dell’esplosione comprendeva un grande terminal per lo stoccaggio dei cereali, che serviva da riserva nazionale per il grano.
Proprio vicino al porto, alla periferia nord della città c’è il quartiere Burj Hammoud, una cintura di povertà intorno alla capitale. Qui, nella parrocchia Notre Dame du Fleuve che fa parte della Chiesa Melkita (di rito greco-cattolico), i padri Fadi El Naaman e Albert Abi Azar sono impegnati in aiuto alle famiglie che hanno avuto dei danni in seguito all’esplosione. Tanti hanno visto le proprie abitazioni completamente o parzialmente distrutte e hanno avuto un familiare deceduto o scomparso nell'esplosione.


Libano notizie Porto di Beirut in fiamme
La devastazione del porto di Beirut

I padri chiedono a Cuore Amico un contributo per la sistemazione delle abitazioni nel quartiere riparando porte e finestre distrutte, vetri rotti, ricostruzione di muri o di parte del tetto. Piccole riparazioni che, però, consentono alle famiglie di vivere dignitosamente in casa loro. A chi ha avuto danni maggiori perdendo tutto nell’esplosione occorre dare un aiuto finanziario che copre l'acquisto di alimenti, le spese scolastiche dei bambini (per retta, libri e materiale di cancelleria) e le spese mediche, soprattutto a favore dei malati cronici e per i danni psicologici subiti (molti bambini hanno perso la parola e gli abitanti sognano ancora le esplosioni che ricordano la guerra).


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 105000 | Aggiornato il 31 dicembre 2020  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Libano

[Idp 104588 del 1 febbraio 2020]

Bambini rifugiati siriani Un dispensario per chi fugge dalla guerra
Giocano all'ombra degli ulivi nel giardino della casa, strappano al pomeriggio qualche ora di gioia, corrono nello spazio di pochi metri. E sorridono. Non è facile essere bambini nel cuore di una tempesta.
Progetto: 104588 Link
Libano

[Idp 104461 del 1 settembre 2019]

bambini disabili aiuti umanitari La scuola per i diversamente abili
A Menjez, un villaggio cristiano al Nord del Libano, funziona una scuola per ragazzi e giovani dai 3 ai 25 anni con problemi psichici e comportamentali.
Progetto: 104461
Libano

[Idp 104219 del 1 febbraio 2019]

Libano news profughi siriani Un pasto per i migranti
A Damour, in Libano, nei campi profughi informali vivono i rifugiati siriani più poveri, bisognosi di tutto per sopravvivere.
Progetto: 104219 Link

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.