Newsletter Dona

Cuore amico

Vicini come Gesù ai malati

L'11 febbraio è la 26a Giornata del Malato.
Fin dall'inizio Cuore Amico ha sostenuto l’attività svolta dai missionari in paesi dove i sistemi sanitari sono insufficienti o inesistenti, operando per la cura della salute, per eliminare la mortalità infantile e per debellare alcune malattie di larga diffusione.


I notiziari si concentrano spesso sulla riforma sanitaria negli Stati Uniti oppure sulle disfunzioni del nostro servizio sanitario; raramente però ci parlano delle tante situazioni in cui non c’è il minimo servizio o del fatto che nella nostra società uno dei rischi è «di far entrare la cura della salute nell'ambito del mercato, finendo per scartare i poveri» (Papa Francesco). Questi temi sono decisivi, poiché da sempre un aspetto che caratterizza la prassi cristiana è la cura degli ammalati.
I vangeli ci dicono che Gesù guariva e che la gente portava da lui i malati dei villaggi. Gesù stesso, inviando i suoi discepoli li esorta a «guarire i malati»; anche la parabola del Buon Samaritano è un eloquente insegnamento sulla responsabilità di ogni discepolo di Gesù nei confronti di chi è nella sofferenza.
Non è però solo la preoccupazione di guarire che deve animare la cura dei malati: in molti casi non è possibile guarire, ma non per questo si abbandona il malato a se stesso; esiste una dignità nella sofferenza e nel morire, e tanti si fanno carico di questo accompagnamento, con la tenerezza e la compassione che caratterizzavano lo sguardo di Gesù.
E come fin dai primi passi della Chiesa l’attenzione ai malati ha suscitato tante iniziative concrete, così anche i missionari con l’intelligenza della carità, mostrano che la chiesa è un «ospedale da campo»: in alcune parti del mondo infatti sono solo le iniziative dei missionari e delle diocesi a fornire le cure necessarie alla popolazione.
Don Flavio Dalla Vecchia - Presidente di Cuore Amico

Sostieni anche tu un progetto sanitario

Images
Nell'ospedale di Neisu (Congo Rd) i missionari della Consolata offrono ogni giorno assistenza a migliaia di malati. Per continuare questa preziosa opera hanno però bisogno del nostro sostegno.
Images
In Madagascar, padre Bruno Dall'Acqua chiede un sostegno per ultimare un ospedale e per procurare i farmaci in grado di arginare la diffusione della peste che sta decimando la popolazione.
Images
Fra Fiorenzo Priuli lancia un appello per aiutare i tanti malati che vengono da ogni parte del Benin che non possono permettersi di pagare degenza e cure.







Aggiornato il 11 febbraio 2018  da Redazione Cuore Amico email | modifica


Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Sostieni Cuore Amico  


Credit Card
Dona con carta di credito


Siria

[Idp 103986 del 1 luglio 2018]

Famiglia sotto le bombe Sostegno a chi sta ricostruendo
A Damasco, le Suore della Carità di Santa Giovanna Antida Thouret aiutano le famiglie che stanno vivendo nelle case semi distrutte dai recenti bombardamenti.


Progetto: 103986
Madagascar

[Idp 104015 del 1 luglio 2018]

bambini disabili in Madagascar Ridare il sorriso a bambini disabili
Nell'isola di Nosy Be il Centro Stella Maria ospita turni di 30 bambini con handicap per la convalescenza e la rieducazione. Aiutiamo le suore a tenerlo aperto.
Progetto: 104015
Congo Rd

[Idp 104016 del 1 luglio 2018]

Bambini pigmei in Congo Rdc Una fontana per la gente di Saico
Padre Landry Dinandi Ngimbi, della diocesi di Boma, chiede un aiuto per garantire acqua a 1.300 persone della zona.
Progetto: 104016


Instagram Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+  

Iscriviti alla Newsletter


 

 

 

Inviando questo modulo confermi di aver letto e approvato l'informativa sulla privacy e di permettere l'invio tramite e-mail di materiale informativo inerente esclusivamente le nostre attività istituzionali.

N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione.

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter