Newsletter Dona

Cuore amico

Brasile | Padre Gianpietro Carraro

Ha vissuto i primi anni di sacerdozio in Italia con profonda passione missionaria. Nel 1994, durante un viaggio in Brasile, nelle strade di San Paolo viene folgorato dalla miseria delle favelas.

Padre Gianpietro Carraro. Aiutare i bambini poveri nelle favelas brasiliane
Padre Gianpietro Carraro ha scelto di vivere dormendo sotto i ponti e sui marciapiedi con il “popolo della strada”. In mezzo ai poveri, come i poveri e per i poveri, fino a una piena e totale identificazione con loro nelle favelas brasiliane

Originario di Sandon di Fossò (VE), è stato ordinato sacerdote a Chioggia nel 1987. Nel 1994 arriva in Brasile, a Belo Horizonte, e qui opera nella diocesi.
Durante una visita tra le baracche della favela della città, padre Gianpietro incontra una famiglia estremamente povera, una mamma con tre bambini: uno di loro stava succhiando un corno di bue, gli altri piangevano per la fame, ma la mamma non aveva nulla per sfamarli.
Dopo un momento di sconcerto, padre Gianpietro percepisce una forza nuova nascere in lui, si avvicina e li accarezza, li prende in braccio. Sente dentro una voce che gli dice: «Io sono qui dove sei tu, dove vuoi andare?» La risposta di padre Gianpietro è: «I poveri sono la mia famiglia, non devo cercare più! Da qui non uscirò più». Questo episodio segna l'avvio di un percorso di evangelizzazione del missionario nei bassifondi dell’umanità. Dopo qualche anno è a San Paolo, e qui si addentra nelle favelas arrivando a passare settimane intere, giorno e notte, sui marciapiedi, sotto i ponti, dormendo assieme al “popolo della strada”: meninos de rua (ragazzi di strada), anziani e disabili senza tetto, drogati e prostitute. In questo viaggio è accompagnato da suor Calcida, con cui fonda nel 2005 la Missione Belém, movimento riconosciuto ufficialmente dalla Diocesi nel 2010 che vuole incarnare il miracolo di Betlemme in mezzo ai poveri, come i poveri e per i poveri. Questa grande famiglia oggi accoglie bambini, anziani, ammalati, persone che vivevano sulla strada.

Gianpietro Carraro Brasile Missione Belém
Padre Gianpietro e suor Calcidia in Brasile

In Brasile,
a San Paolo, padre Gianpietro desidera aiutare tanti fratelli ad avere una casa, costruendo un nuovo centro di accoglienza. Con il contributo del Premio Cuore Amico, il sacerdote comprerà quindi i materiali edili (per la manodopera saranno impegnati tutti i volontari della Missione Belém), un arredamento spartano (letti a castello, armadi, tavoli, sedie) e il necessario per poterlo rendere abitabile prima possibile (una cucina economica, una lavatrice, lenzuola, ecc.). Anche un veicolo completerà il progetto.



Aiutiamo chi aiuta!

Images
Premio Cuore Amico 2018
Brescia, 20 ottobre 2018

Images
Suor Evelina Mattei
Rep. Democratica del Congo

Images
Carla Magnaghi
Sud Sudan





Come sostenere il progetto

I tre missionari Premio Cuore Amico 2018 meritano il nostro sostegno. Siamo certi che anche quest’anno ci aiuterete a raggiungere il traguardo di 150 mila euro che rende possibili i loro progetti.
Dona per padre Gianpietro Carraro.

Dona ora con carta di Credito | Altri modi per donare | Benefici fiscali




Id progetto:104060 | Aggiornato il 2 ottobre 2018  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink


Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Dona per questo progetto  


Credit Card
Dona con carta di credito


Altre Missioni in Brasile

Brasile

[Idp 104040 del 1 agosto 2018]

Seminaristi di Macapà diventare prete in brasile Casa per i seminaristi
Il vescovo di Macapà, dom Pedro José Conti, chiede un aiuto per costruire un'abitazione destinata ai seminaristi nel Centro di formazione e spiritualità.
Progetto: 104040 Progetto: 104040


Instagram Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+  

Iscriviti alla Newsletter


 

 

 

Inviando questo modulo confermi di aver letto e approvato l'informativa sulla privacy e di permettere l'invio tramite e-mail di materiale informativo inerente esclusivamente le nostre attività istituzionali.

N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione.

Seguici su Facebook

Seguici su Twitter