Newsletter Dona

Cuore Amico Fraternità Onlus

Giordania
Cure per i profughi siriani

Suor Adele Brambilla e suor Alessandra Fumagalli lanciano un appello per l’ospedale di Karak, che assicura assistenza medica all’ondata di profughi siriani in Giordania.

bambini profughi siriani
I bambini sono le prime vittime

La località di Karak si trova nel sud della Giordania. Dal 1939 le suore Missionarie Comboniane prestano la loro opera a servizio dell’ospedale locale che accoglie, soprattutto oggi, donne e bambini, minoranze etniche, immigrati, rifugiati senza distinzione di etnia e di religione. Per questo è stimato ed apprezzato dalla popolazione e dalle autorità locali.

Come istituzione senza scopo di lucro normalmente si è riusciti a mantenere l’autonomia finanziaria. Ora però, in una situazione straordinaria come quella che si sta vivendo, si deve ricorrere a sostegni finanziari esterni. Lo richiede specialmente l’emergenza dei rifugiati siriani che, in questo periodo, affollano l’ospedale dopo la fuga dal loro martoriato Paese.

Le suore domandano un sostegno per garantire cure a donne in gravidanza, bambini prematuri, pazienti con malattie croniche (diabetici, ipertesi, anziani con diverse patologie ecc.). Scarseggiando i fondi, se non si trovano a breve altri finanziamenti, le suore rischiano di non poter fornire le cure necessarie per la sopravvivenza di tanti bisognosi e disperati in un’area travagliata come il Medio Oriente.


m



Suor Adele Brambilla, 10 maggio 2018


Come sostenere il progetto

Siamo vicini alle Suore Comboniane che, nel piccolo ospedale di Karak in Giordania, aiutano pazienti con malattie croniche, partorienti e neonati rifugiati dalla Siria

Dona ora con carta di Credito | Altri modi per donare | Benefici fiscali




Id progetto:104019 | Aggiornato il 1 luglio 2018  da Redazione Cuore Amico email

giordania
emergenza-profughi-siriani-ospedale-karak.html

Le suore Comboniane dell'ospedale di Karak in Giordania aiutano i profughi siriani
L'emergenza dei profughi siriani che arrivano in Giordania ha messo sotto pressione il piccolo ospedale italiano di Karak dove operano suor Adele Brambilla e suor Alessandra Fumagalli.


Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Dona per questo progetto  


Credit Card
Dona con carta di credito


Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Iscriviti alla Newsletter


 

 

 

Inviando questo modulo confermi di aver letto e approvato l'informativa sulla privacy e di permettere l'invio tramite e-mail di materiale informativo inerente esclusivamente le nostre attività istituzionali.

N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione.

- L'ultima Newsletter: agosto 2018 -


Instagram Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+