Cuore amico

Georgia: Un inverno freddissimo

Mons. Giuseppe Pasotto ha inviato le suore Figlie di San Camillo a Gori in Georgia per aprire un centro di accoglienza per bisognosi e per ragazze madri abbandonate.

Figlie di San Camillo in Georgia
Le Figlie di San Camillo visitano gli anziani di Tblisi

Per la piccola Georgia, posta tra le aspre montagne del Caucaso, gli ultimi trent'anni anni sono stati densi di conflitti e violenze etniche, sfociate nella guerra del 2008 con la Russia per il possesso dell’Ossezia del Sud. Questi accadimenti hanno portato il Paese verso una condizione di povertà estrema da cui sembra non riuscire a sottrarsi. Le Figlie di San Camillo sono arrivate a Gori, in zona post conflitto, subito dopo la guerra su invito di mons. Giuseppe Pasotto. Si occupano di assistenza ad anziani abbandonati, famiglie disagiate, profughi, madri abbandonate in un clima freddissimo e inospitale. Indichiamo di seguito le loro richieste di aiuto per migliorare le condizioni di vita materiali e spirituali della popolazione.


Figlie di San Camillo in Georgia

UN CENTRO DI ACCOGLIENZA
Il Paese è in condizioni difficilissime: aumento della disoccupazione, tagli alla spesa sanitaria, crescita del numero dei suicidi e dell’alcolismo. Molti anziani sono poveri e vulnerabili, tanti vivono in solitudine, abbandonati a loro stessi. Ancor peggiore la situazione delle vedove, anziane, costrette a mendicare per strada. Le suore chiedono aiuto per avviare una casa d’accoglienza dove accogliere anziani, senzatetto, malati (a causa del freddo molti presentano piaghe da decubito e altre infermità) da curare in ambulatorio. La gente è poverissima e non ha la possibilità di pagare le medicazioni necessarie, aggravando le condizioni di salute talvolta fino alla morte. Il centro si propone di essere un rifugio per i bisognosi offrendo un pasto quotidiano, la possibilità di farsi una doccia calda, avere abiti puliti e, nel periodo invernale, un ricovero per la notte. Il centro si prefigge anche di attivare un ambulatorio medico e un servizio di sostegno psicologico.


Tre suore camilliane in Gerorgia
Il gruppo delle suore camilliane presenti a Tblisi

LEGNA PER SCALDARSI
Il gas per il riscaldamento è troppo caro?
E allora… si torna alle origini, per risparmiare si utilizza la legna! In Georgia d’inverno fa un gran freddo, ma anche la povertà è grande. L’inverno dura sei mesi, da ottobre a marzo, ma per non spendere le famiglie iniziano a bruciare la legna solo a metà novembre, fino alla fine di febbraio: solo tre mesi e mezzo su sei! Ci sono famiglie bisognose che non possono permettersi neanche la legna: per loro le Suore Figlie di San Camillo vorrebbero accendere il fuoco nella stufa, che serve anche per cucinare.

MADRI ABBANDONATE
Tante sono le madri abbandonate con i bambini piccoli, una condizione purtroppo molto diffusa: se la coppia non contrae il matrimonio civile, quando una donna resta incinta il padre del bambino, spaventato dalla responsabilità economica che non riesce ad affrontare, abbandona il figlio e la madre.
Il reinserimento di queste donne nelle famiglie di origine è difficile da affrontare per la mentalità orgogliosa e tradizionalista del popolo georgiano.
Per questo le suore chiedono di “adottare” moralmente queste famiglie monoparentali, offrendo per un anno una cifra che sarà destinata ad alimentazione, cure mediche, rette scolastiche.

Aiutiamo le Figlie di San Camillo a proseguire nelle loro attività a favore della popolazione della Georgia.


Id progetto: 104204 | Aggiornato il 1 gennaio 2019  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink


Come sostenere il progetto

Offriamo: Un pasto caldo (10 euro) | Spese mediche mensili (30 euro) | 10 metri cubi di legna per una famiglia (200 euro) | Adozione morale di una ragazza madre (300 euro)

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali





Iscriviti alla Newsletter

Riceverai ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Sfoglia i progetti con flipboard Feed