Cuore amico

Eritrea: Per l'autosufficienza delle donne

Dall'Eritrea giungono testimonianze di donne poverissime che versano in situazioni molto difficili, costrette da sole a farsi carico di famiglie numerose, bisognose e problematiche.

Promozione della donna

L'Eritrea è tra i Paesi più poveri del mondo per un conflitto con l'Etiopia durato oltre 30 anni e che, concluso nel 1993, ha ripreso con violenza estrema nel 1998.
Finalmente nel 2018 le due nazioni hanno firmato uno storico accordo di pace lasciando però in Eritrea infinite situazioni di precarietà, determinate oltretutto dalla desertificazione che avanza e che mette in ginocchio l'agricoltura, generando siccità e carestie.
Le Suore Cistercensi di Asmara sono una congregazione locale molto giovane, sorta nel 2003. Hanno però al loro attivo un grande impegno sociale nel Paese, portato avanti senza discriminazioni nei confronti di alcuna persona in base alla religione, al genere, alla disabilità o all'etnia di appartenenza.


donne Eritrea
Un corso di cucito attivato dalle suore

Nonostante siano poche di numero, le religiose, oltre ad animare la pastorale in tre parrocchie, si occupano di aiuto ai bisognosi, della gestione di un orfanotrofio e di due asili per bambini di famiglie povere. Infine, di programmi di promozione della donna. In relazione a quest'ultimo aspetto insegnano a cucire e cucinare a donne che si trovano da sole a capo di una famiglia. In Eritrea [Link], infatti, sono molte le famiglie bisognose nelle quali è la donna che si occupa di numerosi figli, perché i mariti sono morti in guerra o di malattia, o ancora sono costretti al servizio di leva obbligatorio che dura moltissimi anni, con una paga irrisoria.
Suor Luul Afewerk, superiora della congregazione, nella sua ultima visita a Cuore Amico ha descritto alcune situazioni di povertà come quella di Hannesu, 40 anni: «Sono una vedova di guerra e madre di quattro figli. Il primogenito è morto mentre attraversava il Mediterraneo nella speranza di raggiungere l'Italia; il secondo è in carcere per aver tentato di uscire illegalmente dall'Eritrea; il terzo è emigrato in Etiopia; il quarto vive con me. Ho accolto in casa mia anche due nipoti perché la loro mamma, mia sorella, è morta. Il primo ha 11 anni e la seconda, disabile e ammalata, ne ha 8. Non lavoro perché non posso lasciare sola la bambina».
Suor Luul vorrebbe avviare un corso di cucito per donne come Hannesu, per aiutarle a raggiungere un'indipendenza economica. Per questo ha bisogno di nuove macchine da cucire e per la tessitura e delle materie prime necessarie.


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 104771 | Aggiornato il 21 marzo 2020  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Eritrea

[Idp 103631 del 1 maggio 2021]

suore in Eritrea Grazie per il cibo terapeutico
Dalle suore Figlie di S. Anna arrivano parole di gratitudine che vogliamo condividere con voi.
Progetto: 103631 Progetto: 103631
Eritrea e Sudan

[Idp 104850 del 1 luglio 2020]

Suore missionarie comboniane ad Asmara Emergenza coronavirus ad Asmara e Wau
L'emergenza coronavirus in Africa si accanisce sui più poveri. Ad Asmara (Eritrea) e a Wau (Sud Sudan) aiutiamo le suore missionarie Comboniane a distribuire cibo e prodotti igienici.
Progetto: 104850
Eritrea

[Idp 104309 del 1 aprile 2019]

Una bambina eritrea Una scuola materna per un futuro migliore
Le suore Comboniane hanno in Eritrea un progetto basato sullo sviluppo delle scuole materne in quattro diverse località del Paese; una di queste è il villaggio di Embatkalla.
Progetto: 104309

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed