Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+ Newsletter
Cuore Amico Fraternità Onlus

Guinea Bissau
Il futuro in un chicco

Per promuovere sicurezza alimentare e sviluppo sostenibile padre Ernesto Bicego, missionario francescano, vorrebbe recuperare una risaia. Sosteniamo con generosità
il suo progetto.

Portatrice di riso

Come sostenere il progetto

Per strappare la risaia al mare occorre ultimare le dighe di terra e pietre.
Raccogliamo 20.000 euro

Dona per questo progetto

Benefici fiscali

La risaia fin qui strappata al mare

Id progetto:103753 | 1 dicembre 2017  di Redazione Cuore Amico email

Crescita solidale e cooperazione sono temi cari a papa Francesco che, in più occasioni, ha ribadito la loro importanza nella costruzione di un vero progresso globale. A credere in questi principi e a cercare di metterli in pratica è anche padre Ernesto Bicego, missionario francescano, da oltre cinquant'anni in Guinea. Padre Ernesto si trova nella regione di Biombo, zona di Blom, dove, a dispetto della presenza di terre arabili e di numerosi corsi d’acqua, adulti e bambini si radunano, la sera, attorno a una tavola vuota. «Le risorse naturali del territorio non vengono sfruttate, l’unico tipo di agricoltura praticata è quella di sussistenza, con scarsi rendimenti», spiega il religioso, determinato ad avviare un progetto di risicoltura. Grazie a questa iniziativa, che prevede il recupero di una grande risaia attraverso la bonifica di un terreno di 290 ettari, più di 200 famiglie di contadini, per un totale di oltre mille persone, avrebbero di che sfamarsi e potrebbero poi vendere le eventuali eccedenze al mercato locale.

«Questa attività, oltre a promuovere la sicurezza alimentare e a generare reddito, contribuisce anche allo sviluppo locale, facendo in modo che i giovani possano rimanere a lavorare nel proprio Paese di origine, vicini alla propria famiglia, al proprio ambiente e alla propria cultura», dice il missionario, che scorge nei guineani una forte volontà di riuscire a far fronte in autonomia ai propri bisogni essenziali. Affinché ciò avvenga occorre, però, costruire fiducia e investire in solidarietà. Solo così sarà possibile muovere i primi passi verso un progresso sostenibile, in grado di delineare scenari migliori per la Guinea e per tutta l’Africa, un continente che negli ultimi quattro secoli, segnati da schiavitù e colonialismo, ha subìto un vero e proprio furto di futuro.




Fra Ernesto, missionario francescano in Guinea Bissau,in visita a Cuore Amico


Come sostenere il progetto

Per strappare la risaia al mare occorre ultimare le dighe di terra e pietre.
Raccogliamo 20.000 euro

Dona per questo progetto con carta di Credito


link
Guarda su Youtube



Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Dona per questo progetto  


Credit Card
Dona con carta di credito


Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Iscriviti alla Newsletter


 

 

 

Inviando questo modulo confermi di aver letto e approvato l'informativa sulla privacy e di permettere l'invio tramite e-mail di materiale informativo inerente esclusivamente le nostre attività istituzionali.

N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione.

- L'ultima Newsletter: dicembre 2017 -