Telegram Facebook Linkedin Twitter Youtube Feed Sfoglia i progetti con flipboard G+ Newsletter
Cuore Amico Fraternità Onlus

Burundi
Insieme contro fame e malattie

Nel Paese imperversa una crisi politica, sociale, economica senza precedenti, a cui si aggiungono le sistematiche violenze. Aiutiamo questo popolo oppresso.

Suor Ignazia in una foto d'archivio

Come sostenere il progetto

Doniamo 10 euro per il cibo | 15 euro per latte in polvere | 30 euro per medicine.

Dona per questo progetto

Benefici fiscali

Id progetto:103615 | 1 settembre 2017  di Redazione Cuore Amico email

Non se ne parla perché il Paese, come ha di recente denunciato il comboniano padre Alex Zanotelli, è uno di quelli su cui più spesso cala il silenzio, anche mediatico. Eppure il Burundi lancia un grido, un grido di dolore, che il mondo occidentale non riesce a udire. La violenza è esplosa nel 2015, quando il presidente Pierre Nkurunkiza si è ricandidato come capo di Stato per la terza volta, nonostante la Costituzione lo vieti. Da allora, per mantenere il potere, ha ordinato migliaia di omicidi, torture, violenze, arresti, esecuzioni sommarie, mentre nel Paese imperversa una crisi economica e sociale senza precedenti. La gente è allo stremo, i neonati muoiono perché non è disponibile il latte in polvere.


Tra gli adulti, c'è chi non mangia da giorni e fruga febbrilmente tra le immondizie in cerca di avanzi di cibo. In un recente messaggio inviato alla Fao (Food and agriculture organization of the United Nations), papa Francesco ha stigmatizzato: «La fame (…) è la risultante di una complessa condizione di sottosviluppo, causata dall'inerzia di molti e dall'egoismo di pochi». E ha aggiunto che è un «dovere dell'intera famiglia umana venire concretamente in soccorso di quanti sono nel bisogno». In Burundi si moltiplicano le malattie come tifo e colera, aggravate dalla malnutrizione e dalle precarie condizioni igieniche. A lanciare un accorato appello a favore di questo popolo oppresso è suor Ignazia Ferrari, della congregazione delle Suore operaie della Santa casa di Nazareth: «Qui la miseria è grandissima, la gente vive in una situazione penosa. Sappiamo che siete sempre dalla parte dei più poveri, perciò confidiamo in un vostro supporto».



Come sostenere il progetto

Doniamo 10 euro per il cibo | 15 euro per latte in polvere | 30 euro per medicine.

Dona per questo progetto con carta di Credito




Traduci la pagina


Fai girare questa notizia



Dona per questo progetto  


Credit Card
Dona con carta di credito


Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Iscriviti alla Newsletter


 

 

 

Inviando questo modulo confermi di aver letto e approvato l'informativa sulla privacy e di permettere l'invio tramite e-mail di materiale informativo inerente esclusivamente le nostre attività istituzionali.

N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione.

- L'ultima Newsletter: settembre 2017 -